Digital Marketing & social media

Paranormal Activity 4: comunicazione…da brivido!

Siete tra coloro che non riescono ad attendere l’uscita di un film, tra quelli che non vedono l’ora di gustarlo prima di tutti per poi magari darne un giudizio ai propri amici?

A due mesi dal debutto al cinema di Paranormal Activity 4, la Paramount Pictures ha deciso di realizzare un teaser per promuomere l’unico horror in grado di vantare più di 13 milioni di Fan su Facebook, offrendo loro la possibilità di vederlo in anteprima.

Paranormal Activity 4

Questa particolare tipologia di comunicazione caratterizzata dalla ricerca di un forte impatto, si pone come obiettivo quello di “stuzzicare” (appunto “to tease” in inglese) il pubblico, cercando di incuriosirlo sempre più, facendo crescere il desiderio del prodotto.

Paranormal

Nel nostro caso, il media utilizzato per raggiungere lo scopo sopraelencato, è stato principalmente il Web: in particolare il sito, i Social Network (Facebook, Twitter, Pinterest e Google Plus) e gli immancabili video virali somministrati progressivamente ed a piccole dosi.
Dopo qualche breve assaggio video, ecco qualche giorno fa comparire il primo trailer ufficiale, in cui nel finale viene chiesto di inviare tramite sms la propria spiegazione degli eventi paranormali a cui si è assistito…

Anche su Facebook si ricerca l’interazione dell’utente: i consumatori che visitano la Pagina del film potranno votare per la propria città, affinchè essa diventi una delle 25 selezionate, in cui Paramount mostrerà l’anteprima gratuita del film. Per fare ciò, essi dovranno accedere alla relativa landing page e premere il bottone “Lo voglio”, personalizzato ad hoc con la città del visitatore grazie all’utilizzo delle API di Facebook.

Want It

Chi lo desidera potrà votare anche direttamente sul sito Web. Le 25 città che otterranno il maggior numero di voti avranno la possibilità di guardare gratuitamente il film prima della data ufficale fissata per il 19 ottobre (in Italia il 25 novembre).

Siete pronti a voler qualcosa di…paranormale? 😉

[Fonte: Adweek, Screenweek]

Comments

comments

Nessun commento ancora

Rispondi

Pubblicità