ADS Facebook su MOBILE e NEWS FEED

A poche settimana dalla quotazione in borsa, con le azioni in caduta libera, Facebook sta cercando in tutti i modi di rinnovarsi, di fornire un valore aggiunto alla propria piattaforma pubblicitaria, forse in crisi di credibilità. Quale miglior segnale se non quello di dimostrare una visione lungimirante in grado di evidenziare un business sostenibile e redditizio nel tempo?

 

In quest’ottica, il secondo colosso del Web dopo Google, ha deciso di rinnovare le inserzioni pubblicitarie, permettendo ora agli inserzionisti di decidere se mostrare le ADS congiuntamente o alternativamente nel classico posizionamento alla destra del monitor oppure nel News Feed dell’utente, potendo addirittura scegliere se erogarle solo a coloro che accedono da piattaforma mobile o fissa.

Preme sottolineare l’importanza di sfruttare la piattaforma mobile, ritenuta da molti e da Zuckemberg in primis, la risorsa del futuro. Basti pensare che su 901 milioni di utenti, circa il 50% degli utenti si connette a Facebook tramite applicazione mobile. Del tutto simile la situazione in Italia.

Per le performance pubblicitarie di questa tipologia di inserzioni, e soprattutto per i costi, è ancora presto. E’ possibile però tentare di fare qualche riflessione.

Per prima cosa, utile dire che le aree cliccabili sono 4. Il senso di lettura resta dall’alto verso il basso, pertanto l’utente sarà prima tentato di cliccare nell’ordine gli spazi 1,2,3 che conducono alla Pagina Facebook, solo in caso l’utente riconosca immediatamente il brand sarà portato a convertirsi diventando Fan della Pagina, magari fidandosi ciecamente della bontà della preferenza già accordata da 2 suoi Amici (in questo caso Daniele e Giuseppe).

 

Analisi nuove sponsored stories

 

Presumibile dunque che queste Sponsored Stories nel News Feed raccoglieranno un elevato tasso di click, e quindi di interazioni con la Pagina, grazie principalmente alla loro dimensione, alla maggiore visibilità intrinseca del News Feed e sopratutto grazie ai molteplici spazi cliccabili. D’altro canto ci si aspetterà un minor tasso di conversione in Fan, da sempre prerogativa di questa tipologia d’inserzione.

E voi, che ne pensate? Tutti d’accordo?

Un saluto ed a presto!

Comments

comments

Filippo Civita

Rispondi