Branding: l’importanza del colore

Immaginate di avere un’azienda tutta vostra. Fatto? Bene, avete mai pensato a quale colore scegliereste per il vostro logo?

civippo_matite colorate

L’importanza del brand è senza dubbio indiscutibile. Talvolta costituisce uno degli asset intangibili di maggior valore di un’impresa. Possedere un marchio con una forte awareness, significa imporre la propria presenza nel settore, rendendosi immediatamente riconoscibile rispetto agli altri competitor.
Estremizzando, lo studio di un logo, è un processo che come talvolta può essere frutto di una pura casualità, in alcuni casi può costituire il risultato di mesi e mesi di complessi studi.
Tra le innumerevoli variabili che costituiscono un brand però, uno degli aspetti di maggior rilievo è però senza dubbio il colore.

 

Qual è la ragione di tutta questa importanza?

Seppur la scelta del colore sembri all’inizio totalmente priva di costi, la scelta errata potrebbe invece esser, nel lungo termine, pagata assai cara.
Doveroso ricordare che il colore, oltre ad essere la prima cosa che il consumatore nota di fronte ad un logo,  spesso funge addirittura da fattore discriminante delle decisioni d’acquisto nel circa 60-80% dei casi.

Da un’analisi dei 100 Top Brand, emerge come il 95% di questi utilizzi nel proprio logo solo 1 o 2 colori. Tra questi i più utilizzati sono rispettivamente il blu, il rosso, la scala di grigi e il giallo. Il 41% dei top 100, utilizza nel proprio logo “solo testo” mentre il 9% neanche menziona il “nome dell’azienda”.

 

I colori sono in grado di influenzare le persone?

Numerosi studi rivelano come a differente colore corrisponda una specifica reazione da parte delle persone. Più in generale, è possibile classificare i colori in due gradi categorie:

  • i colori caldi: a cui vengono associate sensazioni legate all’energia
  • i colori freddi: più legati a stimoli di sicurezza e tranquillità
Nella seguente infografica  (fonte Dailyinfographic) è riportato la specifica peculiarità dei colori principali.

In linea di massima però, l’effetto del colore sul consumatore sarà tanto maggiore quanto elevata sarà la capacità dell’impresa di integrarlo in qualsiasi sua attività, sia quelle offline che online.

E voi, quanto venite influenzati dai colori che vi circondano? Condividete con i vostri amici per scoprire cosa ne pensano! 😉

 

Comments

comments

Filippo Civita

Rispondi